Nobile Contrada Fiorenza

sito ufficiale

RUBRICA/ SEGRETI DI BELLEZZA DI CATERINA SFORZA

“Signora di Romagna” e “Signora della cosmetica”, Caterina Sforza compose un interessantissimo manoscritto sulla cura della bellezza femminile; il manoscritto ha per titolo  “Experimenti de la Exelentissima Signora Caterina da Furlj matre de lo Illuxtrissimo Signor Giovanni de Medici” e vi sono custodite 454 ricette, delle quali 358 riguardano la medicina, 30 la chimica , 66 la cosmesi. E’ forse il ricettario piu completo, finora conosciuto, sulla medicina e la cosmesi del XV secolo.

Nel manoscritto si trovano alcune ricette che lasciano molti dubbi sulla loro efficacia e pericolosità, come, ad esempio quella per guarire ogni sorta di febbre a base di sterco di lupo seccato al sole polverizzato e dato da bere all’infermo in brodo di carne. I rimedi di Caterina spaziano dalle superstizioni medievali al fondamento della moderna omeopatia: nel manoscritto sono riportate infatti anche formule importanti, come ad esempio quella dell’anestesia chirurgica, altre ancora oscure, riguardano la sfera sessuale, studiate per aiutare il piacere nelle pratiche amorose, per rimuovere le inibizioni, e, all’occorrenza, per riacquistare la verginità perduta.

Ecco dunque i “secreti” utilizzati da Caterina per custodire la sua bellezza, detergere e profumare la pelle, schiarire e levigare il viso, pulire i denti, rassodare i seni…

ACQUA PER FAR CR1ESCERE I CAPELLI

preparare un semplice decotto con una manciata di malva, del trifoglio, del prezzemolo e con questo decotto fare diversi lavaggi.

RICETTA PER PROFUMARE L’ALITO

polverizzare scorza di cedro, noce moscata, chiodi di garofano, cannella  ed impastarlo con del vino “et fanne pallottole et pigliane ante ed cibo et de poi el cibo”. Le ultime righe della ricetta raccomandano di non mangiare aglio o cipolla per qualche giorno “et vederai et sentirai miracoli”.

RICETTA PER MANI BIANCHE E MORBIDE

“Dai a lungo bollore ad acqua e crusca di grano finchè la mescolanza un poco si addensi. Poscia fai colar l’acqua e ancora calda metti in essa un pomo (una mela) tagliato in tocchi e quando essa acqua sarà fredda lavatene le mani che resteranno bianche e morbide ed belle vedersi”.

 ALCUNI ESTRATTI IN ORIGINALE DAL MAMOSCRITTO
A fare la facia bianchissima et bella.
Piglia litargirio de argento parte una trita suctile e poni in aceto forte in una ampolla nova e bolla tanto che sciemi el terzo, poi stilla per feltro e serba ben turato, poi piglia parte una de alume o vero de alume de rocho parte una, solgemma parte meza, canfor borace parte una, incenso bianco parte una, parte doi aqua rosata, parte doi oleo de genepro, polveriza et metti nell’acqua ora con lo oleo predetto et metti in loco netto, poi cola et destilla per feltro et serba, et quando la voli adoperare tolli una goccia de ciaschuno sulla palma della mano e lavate la faccia: venerà bianca et bella. Ancora tolli chiara de ovo ben schiumata et destilla per lambicco et è nobilissima a biancar la faccia et lo collo.
 
A far la faccia delle Donne bellissima et chiara.
Piglia radice de yreos et radice de cucumeri asinini, lupini, circer biancho, fava, orzo, seme de melone, ancora polveriza sottilmente et impasta con aqua de melone, o vero aqua de orzo ben cotta et impastala in piccola foma et ponilo a seccare allo aere, o vero al vento et come è secca polveriza de novo et piglia de quella polvere et con albume de ovo fa un linimento sopra la faccia et lassa star per una hora et poi lavala con semola et aqua tepida, che è mirabilissima.
A far cadere peli che mai più torneranno
Piglia polvere de botte, farina de Lupinj, alume de rocco arso et falle bollire con vno bocale de acqua et come leua el bollire tolli dal fuoco et colale per feltro et lassa reposare nel vaso per otto giorni poi bagnia vna spognia in detta acqua et bagnia el loco dove voli pelar più volte et tutti li peli cascheranno et mai più renasceranno.
Fonte: “Ricette d’amore e di bellezza di Caterina Sforza. Signora di Forli e Imola, a cura di Elio Caruso”

Comments are currently closed.